VeRO ed Hop Mobile: due tarocchi?
Condividi
FacebookTwitterWhatsAppGoogle+Yahoo BookmarksBlogger PostEmailCondividi

Ma allora ch’é successo? Questo brevetto esiste o no? Se esiste, perché mai il Team Sicurezza permette che si vendano Samsung, Philips, Cect, Bento in violazione della legge sulla proprietà intellettuale?


La bomba scoppiò su eBay.it ai primi di Aprile con un Comunicato stampa di Ermanno Dionisio, titolare di una piccola azienda bresciana, Hop Mobile, che produce in Cina un cellulare a doppia scheda.

Il Comunicato diceva:

‘IL SITO EBAY RICONOSCE A HOP MOBILE LA TITOLARIT?DEL BREVETTO CHE TUTELA IL CELLULARE HTS DUAL SIM Prevista una quotidiana rimozione delle inserzioni che violano la proprietà intellettuale. Hop Mobile tutela l?unicità del cellulare Hts Dual Sim e il relativo diritto esclusivo a vendere sul territorio nazionale apparecchi che supportano due Sim card contemporaneamente attive. Comincia dal sito di Ebay la lotta di Hop Mobile: il presidente Ermanno Dionisio sta facendo valere la proprietà del brevetto italiano numero 0001327335/2001. Da alcuni giorni, infatti, lo staff del sito che gestisce aste on line sta rimuovendo le inserzioni relative ai cellulari Dual Sim. Di progettazione ed ideazione cinese, gli oggetti in questione vengono venduti online, violando la proprietà intellettuale del prodotto. 

Una situazione che stava danneggiando l’immagine di Hop Mobile, prima in Italia ad aver lanciato un cellulare con tale funzionalità, ma anche la sola autorizzata a produrlo, pubblicizzarlo e commercializzarlo. Giorno per giorno il team Hop Mobile verificherà la pubblicazione di nuove aste sul sito www.ebay.it, mentre i tecnici di Ebay garantiranno una quotidiana rimozione delle inserzioni stesse. Si tratta di un?operazione con la quale tutelare anche l?interesse di tutti i clienti dell?azienda che hanno optato per un prodotto di alta qualità.’

Infatti per un mese, esattamente come comunicato dal Comunicato, eBay ha cancellato tutte le vendite per Dual Sim non Hop Mobile che, quotidianamente, venivano segnalate da Dionisio. La decimazione coinvolse Philips, Samsung, Bento e tutti i cellulari a doppia scheda di fabbricazione cinese, felicemente venduti sul portale. Un mese di cancellazioni e polemiche: Ermanno Dionisio minacciava querele a destra ed a manca (a noi telefonò apposta per comunicarcene una) e da destra e manca ci furono reazioni le più diverse.

Nella vicenda intervennero anche i big della telefonia, direttamente coinvolti dal fantomatico brevetto di Hop Mobile … ma, intanto, su eBay.it si vendevano solo i cellulari di Dionisio. Alle proteste dei suoi utenti, eBay rispondeva così:

“Spett. M…a G…p,

abbiamo ricevuto il vostro fax relativo alla rimozione dell’inserzione xxx. Come gia’ spiegato in precedenza, non essendo nella posizione di poter giudicare se un oggetto violi o meno la proprieta’ intellettuale di  terzi, eBay è tenuta a rimuovere le inserzioni segnalate da un titolare  dei diritti di proprietà intellettuale tramite una Notifica di violazione. Se ritenete che gli oggetti da voi messi in vendita non violino i diritti della Eko Mobile srl, vi invitiamo a contattare il proprietario dei diritti in questione o, in alternativa, a rivolgervi alle autorita’ competenti. In caso di risoluzione della controversia in Vostro favore, vi preghiamo di fornirci la relativa documentazione. Restiamo a completa disposizione per ulteriori informazioni.

Cordiali saluti, Carlo de Niro eBay VeRO Team”

A metà Maggio la vicenda cominciò a stemperarsi e ricomparvero le prime vendite di Dual Sim ‘in violazione’ del brevetto Hop Mobile; a fine mese la situazione ritornò alla normalità: riprese le vendite di cellulari Dual Sim di tutte le marche, anche quelli contraffatti.

Ma allora che é successo? Questo brevetto esiste o no? Se esiste perché mai il Team Sicurezza permette che si vendano Samsung, Philips, Cect, Bento in violazione delle leggi sulla proprietà intellettuale? E, se questo brevetto non esiste, ci sarà qualcuno che dovrà dare spiegazioni agli utenti che si sono visti bloccare centinaia di vendite, con rilevanti danni economici e d’immagine? In attesa di una risposta che, molto probabilmente, non arriverà, ci confermiamo nell’idea che il Programma VeRO non tutela alcun diritto ma é solo una formidabile arma nelle mani di taroccari e furbetti di ogni risma.

Abbiamo trattato la vicenda Hop Mobile il 18, 23 e 30 Aprile ed il 3 Maggio.

Su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *