Borsaioli
Condividi
FacebookTwitterWhatsAppGoogle+Yahoo BookmarksBlogger PostEmailCondividi

eBay realizza buona parte dei suoi profitti sui tarocchi


‘… eBay é la prima vittima delle truffe che avvengono sulla piattaforma’.

Lo ha detto la Responsabile per gli Affari legali del portale italiano in un dibattito a Radio24 (vedi a destra i podcast).
Non é vero. eBay.it realizza buona parte dei suoi profitti proprio sulle truffe, lucrando un buon 10% sulle migliaia di capi di abbigliamento, borse, scarpe e accessori di moda contraffatti che si vendono ogni giorno sulla piattaforma. A quel 10% bisogna, poi, aggiungere le tariffe di Paypal. Un bell’affare.
E a nulla valgono le segnalazioni, le denunce degli stilisti e delle Case di moda. Nella migliore delle ipotesi si può ottenere la sospensione dei borsaioli occasionali, quelli che hanno una o due vendite all’attivo; mai vengono toccati i PowerSeller che vendono migliaia di capi falsi al mese. Non c’é verso, quei borsaioli lì, eBay non li tocca. Del resto si sa: cane non morde cane.
I due che seguono contravvengono, tra l’altro, ad una di quelle regole che il Team Sicurezza applica con discutibilissima discrezione e per la quale, per poter mettere in vendita merci griffate, occorre essere registrati da almeno sei mesi.

vuitton

miumiu

Vuoi ricevere ogni giorno i nostri Sconsigli via email? Clicca qui

eBayabuse è una iniziativa no-profit, senza pubblicità, senza sponsor. A causa dei continui attacchi DDoS siamo costretti ad utilizzare un hosting specializzato che ci costa 600 Dollari all'anno.
Se questo sito ti è stato utile e vuoi ritrovarlo online alla tua prossima visita, aiutaci con un contributo di anche pochi Euro. Puoi farlo con Paypal donando ciò che vuoi sulla email sostienieab@gmail.com con causale 'Sostegno eab'

Su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *