DDoS e diritto di truffa
Condividi
FacebookTwitterWhatsAppGoogle+Yahoo BookmarksBlogger PostEmailCondividi

Oggi, per il momento, abbiamo subito ‘solo’ due attacchi DDoS, alle 9 ed alle 13. Dal 20 Gennaio ce ne hanno lanciati contro 76 con punte di cinque giornalieri il 25 e quattro il 21, 23, 26, 27, 28, 29 e 30 Gennaio e l’1, il 2, 3 e 5 Febbraio. La giornata più ‘tranquilla’ è stata quella del 20 Gennaio con due soli attacchi.

Le intenzioni dei mascalzoni che stanno investendo tempo e danaro in questa impresa sono quelle di buttarci fuori dal web, facendo in modo che eBayabuse non sia più raggiungibile e che, al posto degli avvisi di truffa, l’utente che si collega al sito riceva permanentemente messaggi di ‘timed_out‘, ‘sito non raggiungibile‘, ‘tempo scaduto per la connessione‘, ‘la pagina sta impiegando troppo tempo per caricarsi‘ e simili.

Ma questo non sta avvenendo anche se a causa del disallineamento momentaneo dei DNS di eBayabuse all’inizio di ogni attacco e necessario a neutralizzarlo, alcuni utenti restano tagliati fuori sino a che non aggiornano il router o riavviano la connessione. A parte questo, la quasi totalità dei visitatori neanche si accorge che siamo sotto attacco.

Il risultato di oscurarci i truffatori non lo stanno ottenenendo perchè altri lo ottennero nella Primavera-Estate del 2014. Promotore il truffatore seriale ed oggi semilatitante Loris Costa che, informaticamente inetto, investì nell’impresa una parte dei ricavi delle truffe coppo.loren, 2014itminaa e mario_piroz, commissionando gli attacchi ad hacker professionisti che da migliaia di botnet ci bombardarono ininterrottamente, giorno e notte, da Aprile a Giugno di quell’anno. Per tre lunghissimi mesi il sito fu quasi sempre irragiungibile ma quando già comparivano nel web le prime esultazioni per la scomparsa definitiva di eBayabuse, migrammo su un server antiDDoS che subito debellò gli attacchi e tornammo online con grande scorno dei nostri avversari.

rip1Ma prima di Costa ci avevano provato in tanti – compresa eBay ma questo è un altro discorso – dal truffatore Giovanni Sapone che si avvaleva anche della compiacenza del Provider Aruba e della Polizia Postale di Caserta e nonostante ciò riuscì a tenerci fuori dal web solo per qualche giorno nel lontano 2008 a Matteo Aldrovandi e Mario Bisori che ci provarono nel 2011, a Maurizio Aramino che nel 2012 e 2013 ci si impegnò con notevole ostinazione, in compagnia, da solo ed anche con molto equivoche partecipazioni. Naturalmente ci provò anche la banda Castro-De Stefani nel 2014 ma ogni tentativo fu vano: eBayabuse è sempre tornato online.

Questa lezione non è stata capita da chi ci sta attaccando in queste settimane benchè non si tratti di ‘newbie’ ma di professionisti delle truffe online che conoscono bene eBayabuse.
Parliamo dei tamarri della ‘banda del bonifico di Napoli‘ coalizzati al gruppo di romeni responsabili della maggior parte dei furti di account eBay degli ultimi anni e della quasi totalità di quelli che giornalmente scoperchiamo.
Soggetti che da anni sono ospiti fissi dei nostri avvisi di truffe in corso, e da anni costretti a condurre le loro imprese sempre con un occhio su eBayabuse per vedere se li scopriamo subito o dopo qualche ora, se gli facciamo perdere tutti o solo parte dei loro ‘clienti’.

Stupidi comunque come ogni truffatore, lo sono ancora di più con il loro insistere nel progetto demenziale di scacciarci dal web. Stupidi, troppo stupidi per capire che prima di essere un problema informatico ed economico, la permanenza online di eBayabuse è un fatto di volontà individuali che, mentre prendono atto che il combinato delle inettitudini dello Stato, del Legislatore, di Magistratura e Polizie permettono la sostanziale impunità dei truffatori, mai gli consentirà di rivendicare il folle diritto a truffare e di essere lasciati in pace mentre lo fanno.

Su

5 commenti su “DDoS e diritto di truffa

    1. Se ebayabuse ti è stato utile, è stato di tuo gradimento e vuoi trovarci online anche alla tua prossima visita, clicca sul banner colorato inferiore con scritto “siamo online da otto anni, aiutaci a restarci

      Grazie.

      Rispondi

    1. Se ebayabuse ti è stato utile, è stato di tuo gradimento e vuoi trovarci online anche alla tua prossima visita, clicca sul banner colorato inferiore con scritto “siamo online da otto anni, aiutaci a restarci

      Grazie.

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *