Mimandarai3 su eBay e truffe

logommr3In Italia eBay gode di un diffuso silenzio stampa: i media solitamente ne parlano solo per citarne i record di vendita o qualche asta stravagante ma nessun’altra caratteristica del colosso americano pare sollecitare la loro curiosità benchè tante ne abbia e giornalisticamente succose: la dimensione economica, il controllo del commercio elettronico italiano, la singolare extraterritorialità fiscale, le innumerevoli truffe, il gigantesco volume di merci contraffatte trattate giornalmente sulla piattaforma, le decine di migliaia di venditori che operano  in regime di totale evasione fiscale e, non ultime, le straordinarie acrobazie giuridiche per le quali una minuscola SRL milanese con un capitale sociale di 20mila Euro ed il bilancio in rosso per un milione, ogni anno rastrella dalle tasche degli utenti italiani un miliardo di Euro che versa direttamente nelle casse di una minuscola SRL lussemburghese (capitale sociale 20mila Euro e bilancio in rosso per un milione?), potendosi entrambe le SRL dichiararsi irresponsabili per quanto avviene sulla piattaforma italiana di eBay, indicando a ciò competente una minuscola SRL svizzera (capitale sociale 20mila Euro e bilancio in rosso per un milione?) il cui Consiglio di amministrazione, essendo lo stesso delle consorelle lussemburghese ed italiana, non ha mai dato spiegazioni a nessuno perchè nessuno gliene ha mai chieste (in questa tarantella ogni anno il Fisco italiano ci perde duecento milioni di Euro di tasse non pagate).

Dato questo panorama, è particolarmente apprezzabile la puntata di ieri che Mimandarai3 ha dedicato alle truffe su eBay.  Conduttrice la giornalista Elsa Di Gati coadiuvata da Sergio Leszczynski e dall’avvocato Ugo Ruffolo, in studio vi erano Vittorio Moccia (truffa Mistercpu), Matteo Montecucco (truffe cofanetti viaggio) e, in videoconferenza da Milano e Cosenza, Daniela Caprini (truffe piscine della banda backtoback88) e Francesco Mussuto (truffa non identificata).

Un servizio giornalistico lineare e concreto che ha ben spiegato le problematiche, sottolineando – senza alcuna reticenza – le responsabilità di eBay ed anche il suo rifiuto a partecipare alla trasmissione. Abbiamo molto apprezzato il piglio giornalistico della conduttrice e speriamo che all’argomento la redazione di Mimandarai3 voglia dedicare ulteriori approfondimenti. Ma giudicate voi stessi, questo è il video